genny
hr
 

+ di 128 studi scientifici

Perché non basta raccontare delle storielle e promettere dei risultati. Bisogna anche comprovarlo con degli studi seri e soprattutto pubblicati ufficialmente.

 


Risultati del nostro ultimo studio scientifico:
+ 70% attivazione della lipolisi (eliminazione del grasso).
+ 240% attivazione della produzione di collagene (ridensificazione della pelle).
+ 160% attivazione della produzione di elastina.
 

cosire




etudespdf

A colloquio con il professor Max LAFONTAN

lafontan

graph
«Lo studio realizzato nel 2009 è stato condotto dal Centro d’investigazione clinica CHU di Tolosa. I trattamenti sono stati eseguiti da una fisioterapista esperta, che conosce perfettamente la metodica LPG, utilizzando il nuovo manipolo Ergodrive dell’ultima versione del CELLU M6.

Il nostro obiettivo era doppio: valutare l'effetto di questa tecnica sulla mobilitazione lipidica e sull'espressione genica confrontando lo stato del tessuto adiposo prima e dopo il trattamento (12 sedute). A tale scopo abbiamo utilizzato due tecniche di valutazione: la microdialisi e l’analisi genetica (array CGH).

A quanto ne so, LPG è l'unico produttore sul mercato a realizzare questo tipo di studi che rientrano nel campo della ricerca fondamentale. In conclusione, abbiamo osservato un effetto estremamente importante sull'espressione genica.

L'identificazione di questi geni è attualmente in corso. I primi riscontri mostrano un'azione sui fibroblasti: un effetto stimolante sul collagene (+ 240%) e un effetto stimolante sulle fibre elastiche (+ 160%)! L'identificazione richiede molto tempo perché occorre risalire alle cause biologiche sulla base di ogni modifica genetica».

I risultati?
Dimostrano che la risposta lipolitica del tessuto adiposo è migliorata in media del 70% ed è associata a un effetto vasodilatatore.

LAFONTAN M.: «Valutazione degli effetti della metodica LPG sulla lipolisi misurata tramite microdialisi "in situ" a livello gluteo-femorale e tramite analisi delle modificazioni delle espressioni dei geni». Centro di ricerca clinica, CHU di Tolosa. Studio 2009.